IL MARE E LE SPIAGGE

   

 
 
 

EVENTI

> 01/05/2014
VACANZA PER CICLIST
leggi tutto

NEWSLETTER

ISCRIVITI ORA!
  
Iscriviti: Cancellati:
Borgo Verde
Hotel Marinetta
Residence Belvedere
Podere San Francesco

METEO


bicicleta toscana

AREA RISERVATA

USER 
PASSWORD 
   Registrati a Bicicletta Toscana
   Hai dimenticato la Password??
itinerari percorsi in bicicletta

Caratteristiche del Luogo

 

Luogo



Nome:
IL MARE E LE SPIAGGE
Luogo:
Bibbona

Descrizione del Luogo

 

Fotografie del Luogo


Note:

BUCA DELLE FATE

Uno dei luoghi più conosciuti è la Buca delle fate, una graziosa caletta di ripida scogliera, che permette a ben pochi di addentrarsi al suo interno e godersi la sua natura selvaggia ed aspra. In questo punto la spiaggia non è presente, tutto è roccia e fitta boscaglia fino a picco sul mare.
" Buca delle fate" è raggiungibile dalla strada che da Baratti conduce a Populonia.

CALA VIOLINA

Premiata come una delle 11 spiagge più belle d'Italia da Legambiente è una spiaggia di straordinaria bellezza. Compresa tra due promontoni, ha una spiaggia di sabbia bianca finissima, l'acqua è cristallina e i fondali sono di rara bellezza.
Il suo nome deriva dal suono che fa la sabbia quando vi si cammina a piedi nudi; simile al suono di un violino

GOLFO DI BARATTI

Dalla sommità della Rocca, affacciata sul golfo, il panorama è stupendo, ed è quì che i visitatori di Baratti si concedono volentieri una pausa, prima di continuare l'escursione per il golfo.

Quello di Baratti è uno dei più bei golfi della regione.
Formato da un leggero arco di sabbia, è ciò che resta di un ampio cordone di dune sabbiose, un tempo chiaramente molto più ampio, che è stato colmato nei secoli dai depositi marini. In estate è preso d'assalto dai turisti, come testimoniano i numerosi parcheggi presenti. Nell'ampia caletta si è insediata in modo suggestivo la vecchia pineta che, per quanto di piccole dimensioni, offre un colpo d'occhio gradevole.

Nel Golfo di Baratti, conosciuto per la bellezza del suo mare e della spiaggia, ancora si possono trovare i "rosticci", residui della fusione del ferro d'epoca etrusca e romana.

Una strada panoramica percorre per l'intera lunghezza il golfo di baratti e in alcuni tratti è separata da quest'ultima da una bella e fitta pineta.

CALA DEL LEONE

Si può cominciare con la "Spiaggia Cala del Leone", difficile da raggiungere perché si deve attraversare il Parco del Sonnino, che è privato. Sul lato sud del promontorio c'è invece il "Moletto del Sonnino", con una spiaggia di ghiaia, ben inserita nell'ambiente.
Superate poi alcune rocce, ecco la "Spiaggia del Rogiolo", dal nome del torrente che qui sfocia, ben attrezzata con ogni servizio, compreso l'accesso ai portatori di handicap. L'accesso si raggiunge da una comoda passeggiata in cemento lungo gli scogli (discesa dal ristorante La Baracchina) che collega il Rogiolo a Quercianella. C'è anche una strada, che è di
proprietà delle Ferrovie dello Stato, non accessibile alle auto; restano però 200 metri da fare a piedi. Questa spiaggia, di ghiaia media mista a ghiaia fine, è ben riparata dal moto ondoso, perché il promontorio di Sonnino la protegge dal maestrale. Percorrendo la passeggiata in cemento in direzione sud, dopo poche centinaia di metri ecco il piccolo porto di Quercianella, che sul lato nord ha una spiaggetta con una piscina di acqua salata ottenuta disponendo artificialmente una barriera di pietroni, indicatissima per permettere ai bambini di giocare senza rischi. A sud del porto c'è la vera e propria spiaggia di Quercianella, con un tratto libero e uno attrezzato, con tutte le comodità a portata di mano. Il tratto a sud del paese, oltre il promontorio, ha un fondo di ghiaia alternato a vene rocciose che formano caratteristiche stratificazioni oblique. Sono rocce calcare e dette "calcari palombini" a causa del loro colore grigio che ricorda il piumaggio del piccione selvatico (Colomba palumbus). Queste rocce, che si sono formate oltre 100 milioni di anni fa sotto il mare, si sono poi sollevate verso la metà dell'era terziaria, formando così i colli di Quercianella. Una scaletta, ben segnalata, permette di raggiungere la spiaggia anche da quel Iato. La foce del Chioma segna il confine fra il territorio comunale di Livorno e quello di Rosignano. A Nord della foce stessa c'è un ultimo arenile, di bell'aspetto ma un po' difficile da rintracciare

TORREMOZZA

A 4 km da Riotorto troviamo sul Golfo di Follonica, la spiaggia di Torre Mozza, antica fortezza costruita a difesa della costa. Ci sono spiagge libere e private, che offrono la possibilità di passeggiate sulla sabbia, sia verso la spiaggia del Mortelliccio, sia verso Follonica.