LA MACCHIA DELLA MAGONA

   

 
 
 

EVENTI

> 01/05/2014
VACANZA PER CICLIST
leggi tutto

NEWSLETTER

ISCRIVITI ORA!
  
Iscriviti: Cancellati:
Borgo Verde
Hotel Marinetta
Residence Belvedere
Podere San Francesco

METEO


bicicleta toscana

AREA RISERVATA

USER 
PASSWORD 
   Registrati a Bicicletta Toscana
   Hai dimenticato la Password??
itinerari percorsi in bicicletta

Caratteristiche del Percorso

 

Percorso

Nome Percorso:
LA MACCHIA DELLA MAGONA
Luogo del Percorso:
Bibbona
Lunghezza del Percorso:
19 Km
Altimetria:
da mt 135 a mt 475 s.l.m.
Tempo di percorrenza:
2,30/3 h
Dislivello:
340 mt
Tipo di Strada:
sterrato
Difficoltà:
media - impegnativo

Descrizione del Percorso

 

Fotografie del Percorso


Note:

Bibbona: la macchia della magona

Bibbona, Macchia della Magona.

Si parte dal centro di Bibbona verso il cimitero dove la strada diventa subito sterrata. Dopo circa 1 km si incontra un bivio: si tiene la sinistra cominciando a guadagnare quota ed entrando nella macchia fino a raggiungere un incrocio. Sulla sinistra, in corrispondenza di una sbarra, comincia il tracciato n°5: la sterrata sale dolcemente, prima tra i cipressi e successivamente tra lecci e cerri, alzandosi nell’ultimo tratto prima di raggiungere il Passo del Terminino (281 m s.l.m.). Qui si gira a destra immettendosi nel percorso n°10 che continua a salire gradualmente per 1,7 km fino a Poggio al Fango (340 m s.l.m.) raggiungendo poi la valle del Botro Campo di Sasso con due possibili alternative: 1) La via normale (percorso n°12) con la strada panoramica che si mantiene in quota per 3 km fino al bivio sulla destra dove comincia il percorso n°13. 2) La variante alta che prosegue sul percorso n°10 (al bivio a sinistra) salendo attraverso alcuni punti panoramici fino al Campo di Bibbona, località caratterizzata dalla presenza della sorgente Fonte del Ciliegio; passati nei pressi del Poggio Il Morticino (visibile sulla destra) si raggiunge il Passo delle Golazze Aperte (475 m s.l.m.) dove si lascia la strada proseguendo, preferibilmente a piedi, sul sentiero n°16 che parte alla nostra destra e che, dopo circa 200 m, sbuca nel punto più panoramico del percorso: la vista infatti spazia sull’intera Macchia della Magona fino alla costa. Giunti in località Tre Confini si prosegue sulla destra. Per circa 1 km il sentiero non è pedalabile a causa dei grossi pietroni e dell’erosione causata dall’acqua piovana ma è facilmente percorribile a piedi. Superato il tratto malagevole si ritorna in sella fino al bivio dell’Immaginetta dove, sulla destra, si prende la sterrata del percorso n°12. Si pedala in quota per 800 m fino ad un facile guado e, dopo 200 m, sulla sinistra, all’imbocco del sentiero n°13. Il primo breve tratto del sentiero (400 m) non è pedalabile ma poi si trasforma in una comoda e bella stradina sterrata delimitata da un duplice filare di cipressi che scende lungo il Botro Campo di Sasso. La strada prosegue in discesa passando per Poggio Cornetto fino al ponte sul Botro degli Strinati per risalire fino al bivio dove si prosegue a sinistra fino a Bibbona.
Percorso alternativo breve (9 km e 120 m di dislivello): Si segue lo stesso itinerario fino alla sbarra del percorso n°5 (2,6 km): qui si gira a destra sul n°6 e, dopo 300 m, si continua per 2,3 km sul percorso n°9 fino a Casetta, in località Campo di Sasso. La strada prosegue in discesa passando per Poggio Cornetto fino al ponte sul Botro degli Strinati per poi risalire fino al bivio dove si prosegue a sinistra fino a Bibbona.


Punto di partenza e arrivo: Bibbona
Lunghezza: 19 km
Dislivello: 340 m
Tipo di strada: sterrata
Difficoltà: medio - impegnativo
Note: L’intero percorso si svolge su strade sterrate attraversando nella parte centrale il cuore della Macchia della Magona, area protetta interdetta al traffico motorizzato, un vero paradiso per chi viaggia a piedi, in bici e a cavallo. Ai più allenati si consiglia la variante alta, leggermente più impegnativa per l’altimetria e parte del tracciato accidentato. In tal caso il percorso misurerà 26 km con un dislivello totale di 490 metri.